Cerca rivenditori
compo image

Termini di ricerca frequenti

Cerca rivenditori

Scheda informativa

Ratti

compo image

Caratteristiche

Sito di infestazione:
Giardino, terrazzo, casa, soffitte, garages ecc.
Sintomi:
scricchiolii, sibili o rumore di graffi su muri e legno soprattutto di notte, odore pungente di ammoniaca, piccoli escrementi solidi e allungati, segni di rosicchiamento su contenitori per alimenti, buchi nel terreno in giardino e nei grandi vasi.
Aspetto:
corpo snello lungo circa 20-30 cm (misurato senza coda), pelo grigio scuro o nero, coda lunga priva di pelo

Periodo di infestazioni

Descrizione

Ratti

Riconoscere le infestazioni di ratti: differenze tra ratti e topi

Sia i ratti che i topi appartengono al gruppo dei topi del Vecchio Mondo (Murinae). Questo è diviso in diversi generi di roditori, inclusi i vari generi di ratto (Rattus) e topo (Mus). Ratti e topi adulti possono essere facilmente distinti dal loro aspetto e dalle loro dimensioni: i ratti sono generalmente più grandi dei topi e di solito hanno il pelo più scuro. Il topo domestico (Mus musculus) raggiunge una lunghezza del corpo da tre a dieci centimetri ed è di colore da grigio chiaro a marrone. Il ratto nero (Rattus rattus), invece, è lungo una ventina di centimetri e ha il pelo di colore molto scuro o nero. La pancia ha lo stesso colore del resto del corpo. Il topo nero è raro; nei nostri ambienti è più probabile ritrovare il ratto comune ((Rattus norvegicus) chiamato anche topo di fogna o pantegana, di colore marrone scuro o grigio scuro. Vive spesso nella rete fognaria ma può anche entrare in casa o diffondersi in giardino, risalendo per esempio tramite le tubazioni di scarico. A causa delle loro dimensioni, i ratti sono chiaramente distinguibili dai topi. Diventa più difficile il riconoscimento quando si tratta di esemplari giovani; ratti domestici particolarmente piccoli e topi possono assomigliarsi. La dimensione delle orecchie e la lunghezza della coda aiuteranno nell'identificazione. Nei topi, le orecchie sono più grandi rispetto al corpo. La coda, invece, è più lunga nei ratti che nei topi, rispetto alla lunghezza complessiva dell'animale. Inoltre, i ratti hanno una coda apparentemente nuda e squamosa, anche se in realtà tra le squame crescono peli fini. La coda del topo è invece decisamente pelosa. 

Dal momento che ratti e topi sono generalmente notturni e anche molto timidi, può non essere così facile vederli. Un altro indizio possono essere gli escrementi: gli escrementi di topo e ratto hanno una forma simile – si presentano sodi, a forma di chicco di riso, ma quelli di ratto sono più grandi a causa delle dimensioni degli animali. 

Se questi animali vivono o frequentano fessure nel soffitto o nella parete, anche il rumore è utile: i topi sono molto più silenziosi e al massimo li sentirai frusciare. I ratti si fanno sentire: oltre a squittire, emettono anche rumori udibili di graffi e graffi.

Rattenbefall erkennen – wo halten sich Ratten am liebsten auf?

1. Ratti in giardino

Hai notato un ratto in giardino? Magari nei ha visto uno che nuota nella tua piscina, anche di giorno? Non dovresti esitare a intervenire, perché se osservi i topi in pieno giorno nel giardino, puoi presumere che la popolazione sia purtroppo già numerosa. Gli indizi della loro presenza possono essere, ad esempio, buchi verticali che scendono nel terreno. Anche le feci potrebbero essere utili nel riconoscere l'infestazione.

Cosa attira i ratti in giardino? I ratti usano gli odori come guida durante la ricerca di cibo. Se hai un cumulo di compost aperto in giardino in cui vengono depositati frutta, verdura e resti di cucina, il profumo emanato da questi alimenti indica ai ratti una promettente fonte di cibo. Anche semi che lasci per gli uccelli selvatici possono attirare i topi. Inoltre, sono attratti anche dai cibi per cani e gatti e arrivano a frequentare le loro ciotole, se i tuoi pet lasciano resti di cibo a disposizione per questi sgraditi coinquilini del giardino!

2. Ratti in casa

Ritrovarsi con un topo o un ratto che scorrazza in casa è uno shock anche per chi è un grande amante degli animali. La maggior parte delle volte, tuttavia, non si vedono gli animali, che hanno un’indole timida e cauta, ma si scoprono piuttosto i segni diretti della loro presenza. Questi possono essere, ad esempio, tracce di rosicchiamento su contenitori di legno, plastica o alimenti e le feci; l’odore pungente di ammoniaca nelle loro urine persiste anche quando i ratti si ritirano durante il giorno. Luoghi dove i ratti amano stare sono le cantine, le tavernette e i seminterrati o garages, soprattutto se c'è una dispensa o se tieni i bidoni della spazzatura in questi ambienti; non dimenticare che se hai trovato segni di roditori in soffitta saranno probabilmente solitamente topi domestici, quindi più piccoli (ma non meno dannosi).

Come fa il ratto ad entrare in casa? I ratti possono arrivare negli ambienti domestici risalendo dalle tubature di scarico. Sono ottimi arrampicatori: la lunga coda li aiuta ad afferrarsi e a bilanciare il corpo; i peli fini servono come antenne e favoriscono l’orientamento. Possono entrare in casa anche dall'esterno attraverso buchi e altre aperture anche di piccola dimensione: sono incredibilmente capaci di entrare in fori apparentemente più piccoli della dimensione del loro corpo.

Cosa mangiano i ratti e i topi?

I topi sono onnivori: che si tratti di cibo vegetale o animale, mangeranno tutto ciò che riescono a trovare. Gli alimenti che amano particolarmente sembrano includere pancetta, carne, salsiccia e formaggio, ma anche dolci, pane secco, farine e naturalmente il cibo per animali domestici, in particolare quello per conigli o criceti e i semi o palline di grasso per gli uccelli selvatici. I roditori sono attratti anche dai frutti caduti (e anche dalle cassette di frutta che puoi tenere magari in cantina o in altri ambienti usati come dispensa), in particolare le banane, l’uva, il cocco, i mirtilli, le pesche e i fichi. Apprezzano anche alcuni tipi di ortaggi, soprattutto se duri e croccanti (cetrioli, broccoli, carote, cavoli, cavoletti di Bruxelles, patate, sedano…) e tutti i semi di cereali.

o di altre piante, come quelli di zucca e girasole. Mangiano anche insetti (coleotteri, bruchi, scarafaggi, cavallette, vermi in generale, insetti volanti e striscianti e lumache).

Quanto dura in media la vita di un ratto?

I ratti che vivono allo stato brado di solito vivono tra uno e tre anni. Tuttavia, i sono molto intelligenti e possono adattarsi rapidamente ai cambiamenti nel loro ambiente. In combinazione con la volontà di riprodursi, i roditori diventano rapidamente un problema perché dopo solo due mesi dalla nascita diventano sessualmente maturi e il periodo di gestazione è di circa tre settimane. In media, una cucciolata è composta da otto a nove giovani animali; la madre è immediatamente pronta a concepire di nuovo. In questo modo, la popolazione del branco può rapidamente esplodere e diventare una seccatura a prescindere dalla durata della vita di un singolo esemplare.

Quanto sono pericolosi i topi per l'uomo?

I ratti che vivono allo stato brado possono essere portatori di malattie pericolose come la salmonella, la SARS (Sindrome respiratoria acuta grave), il tifo, la peste o il colera. Per la trasmissione della maggior parte delle malattie, però, deve esserci un contatto diretto, quindi il rischio è piuttosto basso. Tuttavia, alcuni agenti patogeni vengono trasmessi anche attraverso le feci, l'urina o la saliva. Questo è il caso dell'hantavirus che causa febbri, dolori muscolari e altri sintomi fastidiosi, tra cui possibili danni all’apparato renale. Esiste anche la possibilità che pulci e zecche possano essere trasmesse dai ratti all'uomo e che agenti patogeni possano entrare nell'organismo umano in questo modo.

Oltre ai rischi per la salute derivanti dalla trasmissione di malattie, c'è anche il rischio che i cavi elettrici vengano masticati, provocando difetti tecnici e creando il rischio di un corto circuito con conseguente possibile incendio.

compo image

Se osservi un'infestazione di ratti nella tua casa o nel tuo giardino, non esitare troppo prima di agire con un programma di disinfestazione, perché i topi si riproducono rapidamente e possono causare danni indiretti inaspettati a superfici in legno, materie plastiche, carta, controsoffitti, tecnologie varie (arrivano persino a fare il nido dentro vecchi apparecchi TV o computer).

I topi hanno paura degli umani?

I topi di solito fuggono quando incontrano le persone. Tuttavia, se si sentono messi alle strette, possono diventare molto aggressivi: possono saltare fino a un metro e mezzo di altezza e mordere.

Rimedio

I rimedi utili per combattere il problema

Lotta contro i ratti

Purtroppo, raramente il problema è la presenza di “un” ratto; quando se ne nota uno, è altamente probabile che ve ne siano altri. Le misure preventive sono importanti: possono aiutare a impedire la comparsa dei ratti. Anche dopo che i topi sono stati scacciati o controllati, è essenziale adottare accorgimenti per prevenire la reinfestazione. Di seguito, presentiamo alcune misure preventive e vari metodi per liberarsi di questi sgraditi ospiti.

compo image

Misure preventive contro i ratti

I consigli che trovi qui sono particolarmente utili se vivi in una zona in cui esistono molti ratti, per esempio in città, nei centri storici o nelle vicinanze di siti in cui è probabile che vi siano ratti (stalle, ricoveri agricoli ecc.) I ratti sono principalmente guidati dalla ricerca di cibo, quindi assicurati di conservare le scorte di cibo in contenitori ermeticamente sigillati e barattoli di vetro. Se c’è rischio di infestazione di ratti, i rifiuti alimentari dovrebbero essere conservati in contenitori ben chiusi da svuotare preferibilmente ogni giorno, meglio se prima della notte. I cassonetti della spazzatura, sia quelli dell’umido che quelli di plastica e carta, dovrebbero stare in una posizione lontana dagli accessi all’abitazione. Il cibo per animali domestici non dovrebbe essere lasciato aperto troppo a lungo. Non gettare gli avanzi di cibo nel water. Non solo dai da mangiare ai topi nelle fogne, ma rischi anche che questi si arrampichino risalendo dal tubo di scarico e entrino nella tua casa. Una valvola di non ritorno integrata nella linea di scarico fornisce una protezione aggiuntiva. Controlla anche altre aperture come porte, finestre e prese d'aria. In alcuni casi, può avere senso installare una griglia a maglie fini, tipo zanzariera, attraverso la quale i ratti non possono passare. Tieni presente che possono infilarsi negli spazi più piccoli e anche un'apertura di due centimetri offre spazio sufficiente per passare. Evita il disordine nel seminterrato o nella soffitta: i mucchi di roba abbandonata offrono l'ideale per la costruzione del nido.

 

In giardino, proteggi il cumulo di compost dai topi. È meglio attaccare una griglia fine al pavimento dell’area compost in modo che i roditori non possano penetrare dal basso. Copri il compost con un'altra griglia e assicurati che i fori di ventilazione sui lati siano il più piccoli possibile o schermati da rete a maglia fine. In questo modo i topi hanno poche possibilità di entrare nel cumulo. Non gettare nel compost gli avanzi di cottura, la pasta o la carne.

Assicurati anche che le fonti di alimentazione per uccelli e altri animali selvatici come i ricci siano inaccessibili ai ratti. Ad esempio, una casetta per gli uccelli può essere montata su un tubo di alluminio: i topi non potranno arrampicarsi facilmente su di esso. Le casette dei ricci possono essere protette da un pezzo di rete fine.

Catturare i topi

Qual è il modo migliore per catturare un topo? La trappola è adatta per prendere i singoli animali che vuoi allontanare; inserisci un pezzo di pancetta o una ciotola di burro di arachidi nella trappola come esca. Indossa guanti usa e getta quando maneggi trappole per topi e esche, in modo che non abbiano l'odore di esseri umani (hanno un “naso” sensibilissimo!). Se il topo entra nella trappola, essa si chiude senza danneggiare l’animale; potrai liberare il topo catturato, ben lontano da casa. Scegli un punto in cui il topo possa scappare velocemente. Raccomandiamo di indossare guanti di pelle, perché se il topo va nel panico, diventerà rapidamente aggressivo e potrebbe mordere. Un guanto di pelle spessa (o un vecchio guanto da sci) offrirà una buona protezione. Assicurati di trovarti a una distanza sufficientemente grande (almeno un chilometro dal sito dell'infestazione), altrimenti il ​​topo ritroverà la via del ritorno e il gioco riprenderà da capo: sono animali sono molto intelligenti e dotati di un forte senso dell’orientamento oltre che di grande determinazione nel raggiungere gli obiettivi che si prefiggono.

In alternativa, ci sono anche trappole a scatto, in cui una staffa si ripiega al contatto. Tuttavia, l'uso dovrebbe essere ben considerato, perché il topo è destinato alla morte, anche se in modo rapido e indolore. Inoltre, è necessaria una particolare cautela quando si maneggiano le trappole a scatto, per evitare di ferirsi le dita. È anche importante controllare quotidianamente le trappole e smaltire immediatamente gli eventuali animali catturati. Prima di rimontare la trappola, dovresti pulirla accuratamente.

Rimedi casalinghi per topi: quali odori non piacciono ai topi?

Se possiedi un gatto, il tuo problema con i topi spesso si risolve da solo. Ai gatti piace dare la caccia ai topi e scacciarli (anche se non li cattura, i topi capiranno che è meglio trovare un’altra sistemazione). Ti manca un aiutante così utile? Si dice che un sacchetto di lettiera per gatti usata dal micio, disposto nel sito infestato, aiuti a scacciare i topi, che dall’odore capiscono che è meglio stare alla larga. Altrimenti, prova i rimedi casalinghi che emanano un odore sgradevole per i topi, che sono molto sensibili agli odori. Ad esempio, puoi immergere degli stracci in acqua con alcune gocce di olio essenziale di chiodi di garofano, di menta piperita o aceto, e posizionarli dove hai individuato segni di topo. Puoi anche spargere pepe o peperoncino, che i topi ovviamente non gradiscono né come odore né come sapore. Questo dovrebbe garantire che se ne vanno. Tuttavia, ci si deve aspettare che i topi intelligenti si abituino ai rimedi casalinghi e possano tornare. Per inciso, il bicarbonato di sodio, che a volte viene usato contro altri parassiti, non sembra avere alcun effetto sui topi.

Ultrasuoni contro i ratti

Nei negozi specializzati è possibile acquistare apparecchi che funzionano con gli ultrasuoni. Tali dispositivi emettono suoni ad alta frequenza che gli esseri umani non possono sentire, ma che i topi dovrebbero percepire come sgradevoli. La gamma di frequenza è solitamente di circa 40 kHz. L'obiettivo è che gli animali evitino questo rumore fastidioso per il loro udito, e si allontanino. Tuttavia, l'efficacia di questo metodo è piuttosto discutibile, poiché i topi sono molto adattabili e possono anche abituarsi a questo rumore. Il successo è quindi probabilmente di natura a breve termine.

 

Controllo dei ratti utilizzando le apposte esche

Le esche per roditori possono essere utilizzate correttamente in speciali scatole che proteggono l’esca e ne evitano il contatto con animali domestici o bambini troppo curiosi. Prima di utilizzare questi prodotti, tuttavia, è essenziale tentare metodi di controllo alternativi. Se devono essere utilizzate le apposite scatole (contenitori per esche) occorre stabilire esattamente dove si trovano i roditori, ovvero dove ci sono percorsi, siti di nidificazione o luoghi di alimentazione all'interno e intorno all'edificio. Non pulire in anticipo le aree infestate, poiché ciò disturberà i topi e c'è il rischio che l'esca non venga accettata di conseguenza. Dovresti sbarazzarti solo di ovvie fonti di cibo,

come sacchi di cereali aperti o mangimi per animali. Inoltre, assicurati assolutamente che bambini, uccelli, animali domestici, animali da fattoria e altri organismi non bersaglio non abbiano accesso all'esca. Le esche non devono bagnarsi anche se in genere sono resistenti all’umidità. Altre regole: osservare bene le istruzioni sulla confezione, indossare guanti monouso quando si maneggiano esche per topi e scatole per esche, lavarsi bene le mani dopo averle maneggiate anche se indossavi i guanti.

 

Puoi controllare i contenitori delle esche per la prima volta dopo cinque o sette giorni; è difficile che il ratto si avvicini prima di qualche giorno, essendo molto cauto e sospettoso. Se l'esca è stata mangiata, sostituiscila e controlla la zona per verificare l’eventuale presenza di ratti morti, anche se spesso vanno a nascondersi in luoghi inaccessibili. I resti dei topi, se li trovi dovrebbero essere rimossi subito per prevenire l'avvelenamento secondario di animali domestici e selvatici che possono mangiare l’animale morto. Indossare guanti protettivi durante la rimozione. Se non vengono più mangiate esche, l’infestazione dovrebbe essere terminata. Metti in atto le misure preventive sopra menzionate per evitare un'altra infestazione.

In presenza di situazioni difficili da disinfestare o di una infestazione particolarmente tenace e numerosa può essere consigliabile rivolgersi a un’azienda specializzata, che dispone di tecnologie e prodotti non disponibili a livello amatoriale.

Condividi

compo image

Grandi premi ti aspettano!

Acquista un sacco di terriccio e vinci.

Segui COMPO anche su:

Scopri di più su