Cerca rivenditori
compo image

Termini di ricerca frequenti

Cerca rivenditori
compo image

Come, dove e quando piantare le bulbose

I bulbi da fiore primaverili si piantano, secondo le specie e le varietà, da settembre a novembre, anche fino a dicembre se il clima non è ancora gelido, in terra leggera e fertile, anche in vaso: assicurano gran spettacolo di colori e spesso di profumi, dalla fine dell’inverno alla tarda primavera, scegliendo diverse specie e varietà di bulbi.

compo image

I giacinti vanno piantati fra ottobre e novembre, non prima né dopo; amano la luce ma se il sole primaverile è caldo tendono a sfiorire subito: meglio cercare una posizione con sole solo per poche ore. Anche i tulipani vanno piantati tra metà ottobre e fine novembre. I bulbi di narciso, soprattutto quelli di piccola dimensione, si piantano entro novembre; si accontentano di 5-10 cm di copertura, altrimenti il germoglio non ce la fa a raggiungere la superficie. In vaso, abbondate con la sabbia: almeno in proporzione del 50% rispetto al terriccio.

Muscari e scille preferiscono una piantagione precoce, già a metà settembre, mentre i crochi sono più versatili e possono essere collocati in terra anche a novembre e dicembre; la fioritura avviene da gennaio a marzo.

 

GLI ERRORI DA EVITARE

L'errore più frequente è quello di piantare i bulbi capovolti; il problema riguarda principalmente quelli di grossa dimensione, come i tulipani. In queste condizioni il germoglio cerca di farsi strada con un tortuoso giro, chiamato verso l’alto dalla forza della natura, ma la pianta produrrà steli deboli e la fioritura non appare. La regola è quella di collocare il bulbo con la punta rivolta verso l'alto. I bulbi piccoli, come quelli dei crochi, sono meno sensibili al problema e non è necessario assicurarsi che il punto di emissione del getto sia rivolto verso l'alto: germoglieranno comunque.

Non va dimenticato che le bulbose sono praticamente autosufficienti e richiedono pochissima acqua: un'innaffiatura al momento dell’impianto, poi è sufficiente la pioggia di stagione. Se proprio l'inverno dovesse essere mite e asciutto si può innaffiare moderatamente ogni 15 giorni, evitando di bagnare nei periodi di gelo.

Evitate di piantare bulbose dove sapete che si formano pozzanghere, o dove il terreno sia costantemente molto umido: marcirebbero entro breve tempo. Si dovrà fare in modo che non ci sia rischio di ristagni, grazie a uno strato drenante di ciottoli collocato sotto al terriccio, soprattutto se sono coltivate in vaso.

compo image

COME FARLE RIFIORIRE PER ANNI E ANNI

Una volta terminata la fioritura, le bulbose sono programmate geneticamente per effettuare un ciclo di assorbimento che consente al bulbo o rizoma di accumulare risorse nutritive nelle sue fibre; il processo avviene attraverso le radici ma soprattutto attraverso la funzione clorofilliana esercitata dalle foglie. Occorre quindi lasciarle appassire in modo naturale per almeno 6-8 settimane, prima di estrarre il bulbo da mettere in riposo fino all’autunno, operazione consigliata soprattutto per giacinti e tulipani; narcisi, muscari, crochi e altre piccole bulbose precoci possono rimanere nella terra e spesso si naturalizzano e si riproducono, tornando puntuali all’appuntamento di primavera per anni e anni, senza alcuna cura.

Condividi

Iscrizione alla newsletter

Restate Informati

Ricevete newsletter e suggerimenti su: giardino, prato, piante, decorazioni e molto altro. Riceverete circa due newsletter al mese.

GRAZIE PER LA TUA REGISTRAZIONE! Riceverai immediatamente un messaggio di conferma via e-mail. Fai clic sul link per confermare la tua registrazione ed avere in omaggio un esclusivo ebook.

Per favore inserisci il tuo indirizzo email. Conferma il tuo consenso spuntando la casella.

compo image

COMPO. Piante meravigliose con semplicità.

Con o senza pollice verde - insieme per una vita più verde.

Segui COMPO anche su:

Scopri di più su COMPO