Cerca rivenditori
compo image

Termini di ricerca frequenti

Cerca rivenditori
compo image

FASCINO, NATURA E RESILIENZA

Progetta un balcone di stile mediterraneo

Sogni anche tu un’oasi mediterranea di benessere sul tuo balcone, capace di evocare le vacanze? In questo articolo ti presentiamo le regole base per la cura delle piante mediterranee, per coltivarle con successo e soddisfazione. Occorre infatti sapere che molte piante comuni lungo le nostre coste e al Sud, spesso provenienti da zone subtropicali di altri continenti, non possono essere lasciate all’aperto tutto l’anno dove gli inverni sono gelidi e umidi. Ecco dunque quali piante scegliere e come dovrai curarle e gestirle nel corso delle stagioni.

compo image

UNA LUNGA ESTATE AL SOLE

La luce solare, prima esigenza delle piante adatte al clima mediterraneo

Non importa se provengono dall’Italia, dalla Spagna o dalla Grecia: le piante mediterranee in vaso richiedono soprattutto un elemento tipico della loro terra natale: lunghe estati piene di sole. Affinché le piante si sentano a proprio agio anche in pianura Padana e nell’arco prealpino, avranno bisogno di una posizione preferibilmente esposta a Sud. In caso contrario, la formazione di frutti e fiori è scarsa. Va bene anche un’esposizione a sud-est o sud-ovest, comunque con diverse ore di esposizione al sole.

 

COME SCEGLIERE BENE LE PIANTE

Mediterranee o subtropicali? Un mondo da scoprire

Le piante che si adattano bene al clima mediterraneo non sono solamente quelle originarie delle coste affacciate sul mare; alcune provengono dall’Africa meridionale, dal Centro America o da alcune zone dell’Asia, ma si sono ambientate da molto tempo nel nostro ambiente mediterraneo. Alcune, come l’ibisco cinese, sono impiegate soprattutto come piante d’appartamento e possono restare all’aperto tutto l’anno solamente nelle zone d’Italia dove l’inverno è veramente molto mite, per posizione ed esposizione (che deve necessariamente essere riparata dal vento).

PiantaOrigineLuogoIrrigazioneCure invernali
Lantana 
Sudamerica, Sudafrica
Soleggiato, caldo e al riparo dal vento
Generosa e regolare

Luogo luminoso a 5-10°C.

Dipladenia
Sudamerica

Luminoso, caldo,ad alta umidità. Proteggere dal sole cocente se le temperature sono superiori a 30 °C

Abbondante, meglio se con acqua non calcarea

Luogo luminoso a 10-12 °C.

.
Bugainvillea 
Ecuador & Brasile
Posizione calda e in pieno sole
Generosa e regolare, evitare i ristagni

Luogo luminoso a 10-15 °C.

Oleandro
Marocco & Spagna Meridionale
Luogo soleggiato, non teme il vento
Non teme il calcare e anche in vaso resiste a momenti di siccità
Resiste anche all’aperto in posizione riparata

Ulivo

Mediterraneo
Ambiente caldo e soleggiato
In vaso va innaffiato regolarmente
Resiste anche all’aperto in posizione riparata

Eucalipto

Australia
Posizione calda in pieno sole, non teme il vento
Non tollera l’acqua molto calcarea

Luogo luminoso a 10-12 °C.

.

Agrumi

Oriente
Posizione calda e al sole
Generosa e regolare
Ambiente protetto dal gelo, 5-8 °C
Origano
Mediterraneo
Posizione riparata, soleggiata e calda
Il terriccio deve restare appena umido
Dunkler Keller oder Garage bei Temperaturen von 0-10 °C
Portulaca
Mediterraneo e Medio Oriente
Pieno sole
Tollera momenti di siccità

Luogo luminoso a 12-15 °C.

Lavanda
Mediterraneo
Pieno sole, non teme il vento
Non teme il calcare e anche in vaso resiste a momenti di siccità
Resiste anche all’aperto in posizione riparata

Datura

Sudamerica

Luogo protetto dal vento, semi-ombreggiato. Proteggere dal sole molto forte

Generosa e regolare

Luogo luminoso a 12-15 °C.

Rosmarino
Mediterraneo
Pieno sole, non teme il vento
Tollera momenti di siccità
Resiste anche all’aperto in posizione riparata
Mirto
Mediterraneo
Pieno sole, anche vicino al mare
Irrigazioni moderate

Ambiente luminoso e protetto dal gelo, 5-8 °C.

compo image

3 TECNICHE IMPORTANTI

Innaffia correttamente le piante in vaso mediterranee e subtropicali

In ambiente mediterraneo, nella macchia selvatica e persino ai bordi delle strade, piante come l’oleandro, il mirto e il rosmarino non richiedono alcuna irrigazione; in estate possono soffrire per la siccità ma si riprendono e sopravvivono per decenni. In vaso, però, tutte le piante, anche quelle che vivono in natura in zone subdesertiche, come la portulaca, richiedono regolari irrigazioni perché la terra nel contenitore si disidrata completamente nel giro di poche ore e si surriscalda; le radici non possono scendere in profondità nel suolo, dove troverebbero una certa umidità, e in balcone viene a mancare anche la preziosa rugiada mattutina che porta quel poco di umidità. Ecco dunque alcuni consigli utili per mantenere le piante idratate riducendo al minimo l’impegno.

3 tecniche di irrigazione per piante mediterranee e subtropicali

  1. compo image

    1

    Non innaffiare dall'alto

    Le piante in vaso mediterranee non sono abituate a piogge regolari su fiori e foglie. Pertanto, non innaffiare mai le piante dall'alto, ma sempre direttamente sulla zolla di terriccio; l'umidità persistente sulle foglie favorisce la formazione di malattie fungine. Su piante con fiori grandi - come ibisco o dipladenia - le goccioline d'acqua possono lasciare macchie antiestetiche sui petali. Il momento critico è quando il sole torna a splendere sulla pianta subito dopo un acquazzone o una irrigazione che ha bagnato foglie e fiori, si formano rapidamente ustioni sotto forma di macchie marroni su petali e fogliame. È quindi meglio posizionare le piante sotto una tettoia o vicino al muro di casa durante i periodi piovosi e non usare il getto a spruzzo.

  2. compo image

    2

    Usa acqua a basso contenuto di calcare

    Molte piante in vaso mediterranee e subtropicali non vanno d'accordo con l'acqua calcarea del rubinetto; l'eccezione è l'oleandro, che non viene danneggiato dall'acqua calcarea. Per non danneggiare le tue piante è meglio usare l'acqua piovana per l'irrigazione, se hai modo di raccoglierla; non contiene quasi nessun minerale e quindi ha scarso effetto sul valore del pH e sul contenuto di nutrienti del terreno. Se non disponi di questa opzione, puoi lasciare l’acqua nell’innaffiatoio per un paio di giorni o più, in modo che una parte del calcare si depositi sul fondo; oppure aggiungi due cucchiai di aceto di vino in 10 litri di acqua; deve riposare almeno una notte in modo tale che il calcare precipiti sul fondo; è bene non utilizzare gli ultimi 4-5 cm di acqua nel contenitore.

  3. compo image

    3

    Innaffia al mattino presto o alla sera

    Il momento ideale per innaffiare le piante in vaso mediterranee e subtropicali è la mattina presto; la zolla si sarà raffreddata dalla notte e la radice non subirà stress a causa dell’acqua fredda di irrigazione. Se non hai tempo per innaffiare al mattino e devi farlo durante la giornata, puoi riempire l'innaffiatoio con acqua e lasciarlo al sole un poco, in modo che possa scaldarsi un po' senza che l’acqua diventi troppo calda. In alternativa, se non hai acqua tiepida, è meglio aspettare e innaffiare di sera; il terreno nel contenitore si raffredda e si riduce il rischio di stress.

compo image

MATERIALE E DIMENSIONI DEL VASO

Il vaso giusto per le piante in vaso mediterranee e subtropicali

I vasi di terracotta sono belli e utili anche per le loro caratteristiche: sono in grado di assorbire l'umidità e rilasciarla all'esterno. Ciò riduce un poco il rischio di ristagni e muffe sulle radici. Inoltre, la terracotta ha un effetto di coibentazione e aiuta a conservare per le radici un ambiente idoneo. I vasi in terracotta hanno un altro vantaggio molto pratico rispetto alla plastica: sono molto pesanti. Le piante hanno quindi meno rischi di ribaltarsi in caso d vento forte. Anche l'aspetto della sostenibilità gioca un ruolo nella scelta dei vasi: i vasi di plastica si spezzeranno e diventeranno fragili dopo alcuni anni in pieno sole, mentre i vasi di terracotta dureranno per molti decenni.

Il nostro consiglio

Se non ti piacciono i segni che si formano all'esterno del vaso, causati dall’acqua, puoi rimuoverli facilmente con un pennello o una spazzola imbevuta di acqua tiepida e aceto.

compo image

SCEGLIERE TERRICCIO E CONCIME

Come trapiantare e nutrire le piante mediterranee

Nei mesi in cui fa caldo, le piante in vaso mediterranee producono grandi quantità di materia vegetale: foglie, rami e fiori. Nei pochi litri di volume offerti da una fioriera, le radici devono trovare tutto ciò di cui hanno bisogno per questa vigorosa crescita, altrimenti lo sviluppo sarà lento, le foglie ingialliranno, i fiori cadranno precocemente o non si formeranno affatto.

 

Ma qual è la condizione di crescita perfetta per le piante in vaso mediterranee? Nella loro terra d'origine, queste piante crescono spesso su terreni sassosi e per quanto aridi e magri possano apparire questi suoli, contengono una componente cruciale e importante per il loro sano sviluppo: i minerali argillosi come la pomice, contenuta in COMPO BIO Terriccio per Piante Mediterranee, appositamente studiato per piante quali olivo, agrumi ecc. e arricchito con concime organico.

 

I minerali argillosi hanno tre vantaggi importanti per la salute delle piante mediterranee e subtropicali:

 

  1. Possono immagazzinare e rilasciare sostanze nutritive. Durante la loro fase di crescita, la maggior parte delle piante in vaso mediterranee ha un elevato fabbisogno di nutrienti e i minerali argillosi forniscono proprio un importante contributo all'apporto dei nutrienti necessari.
  2. Possono immagazzinare e rilasciare acqua. Nelle calde giornate estive su un balcone esposto a Sud, l'acqua evapora molto velocemente. D'altra parte, l'umidità del suolo diventa eccessiva per le piante mediterranee durante i periodi di pioggia. I minerali argillosi nel terreno attutiscono gli estremi di ristagno idrico e di siccità, aiutandoti così a prenderti cura delle tue piante in modo ottimale.
  3. Se hai concimato troppo, l'argilla offre anche una sorta di effetto tampone. Assorbe parte dei sali nutritivi in ​​modo che non siano subito assorbiti dalle radici, altrimenti, nel peggiore dei casi, le radici subirebbero danni e si formano ustioni sulle foglie.

 

Vale la pena di utilizzare COMPO BIO Terriccio per Piante Mediterranee perché è davvero utile e aiuta a tamponare e a ridurre i danni causati da errori di cura o da condizioni meteorologiche difficili, e a fornire alle piante i nutrienti speciali di cui hanno bisogno per un sano sviluppo nelle prime fasi post-trapianto.

 

compo image

Concime speciale per agrumi e piante mediterranee

La formazione di frutti e fiori è un tour de force per le piante. Se la pianta non ha abbastanza spazio per le sue radici, cosa che spesso accade in vaso, e se non ha acqua e sostanze nutritive a disposizione, deve usare tutte le sue risorse e, per sopravvivere rinuncerà a produrre fiori per mantenere le radici vive.

 

Quando si sceglie un fertilizzante adatto per le piante mediterranee, è necessario assicurarsi che contenga una quantità sufficiente di Fosfato e Potassio oltre all’Azoto, responsabile della crescita. Questi componenti sono responsabili della sana crescita delle radici, della fioritura rigogliosa e del rafforzamento della struttura cellulare delle piante. Un fertilizzante vegetale di alta qualità favorisce la salute generale della pianta e la rende significativamente più resistente ai danni del gelo, alle ustioni, alle raffiche di vento o alle malattie fungine. COMPO Bio Concime per Agrumi e Piante Mediterranee è la scelta consigliata, è arricchito con Ferro in formulazione assorbibile dalle radici per ridurre i rischi di fisiopatie (clorosi) causate da innaffiature con acqua troppo ricca di calcare.

compo image

Le piante in vaso mediterranee in inverno

Acquista arbusti mediterranei e subtropicali solo se ritieni di poter trovare un posto adatto per loro durante la stagione invernale, e non sottovalutare il fatto che spesso si tratta di piante che, se ben coltivate, crescono vigorosamente, occupano spazio e vivono per anni,
Con l’arrivo dei primi freddi (le temperature scendono in genere dopo la metà o a fine ottobre al Nord) le piante sensibili dovranno essere spostate al riparo. Anche nelle zone dell’Italia centrale e meridionale, e nell’interno delle isole, le piante che non resistono al freddo dovranno trovare una posizione protetta. Inoltre dovrai seguire alcuni consigli utili, eccoli.

  • Ridurre la concimazione. Affinché le piante mediterranee vadano in letargo gradualmente, è necessario ridurre gradualmente la concimazione a partire da settembre, per evitare che formino nuovi germogli, favoriti dal clima mite e dall’umidità autunnale; sarebbero i primi ad essere danneggiati dal freddo.
  • Non potare in autunno. La maggior parte delle piante in vaso mediterranee dovrebbe essere potata solo in primavera, prima che inizi la nuova crescita, per non affaticare ulteriormente l’esemplare; in ogni caso è bene capire le esigenze caso per caso e adattarsi alle specifiche necessità di ogni specie.
  • Non surriscaldare. Le temperature invernali nell’ambiente destinato ad accogliere le piante mediterranee e subtropicali, per esempio una serra o una veranda, non devono essere alte altrimenti le piante restano in attività vegetativa ma, mancando la piena luce estiva e il ricambio d’aria, producono germogli esili e deboli e tendono ad ammalarsi. Inoltre si interrompe la fase di riposo, necessaria per la rigenerazione delle piante. Meglio quindi rispettare le esigenze riportate nella tabella e stare attenti anche all’esposizione; se sono dietro un vetro, il sole intenso anche in inverno può causare dannose bruciature. In serra, veranda o in un vano scale, il lato esposto a Sud va schermato con una tenda leggera nelle ore centrali, quando c’è troppo sole, rimuovendo la tenda quando il sole cala e c’è bisogno di sfruttare ogni prezioso minuto di luce. Non trascurare il fatto che anche in Pianura Padana e nella fascia prealpina gli inverni sono meno freddi che in passato, e molte piante resistono bene anche solo con una protezione del vaso, imballato in plastica a bolle per coibentare le radici dal freddo, e avvolgendo la chioma in un velo di non tessuto. Questa modalità va bene per gli arbusti che resistono fino a circa 5 °C; quelli molto delicati, come l’ibisco cinese, vanno spostati in casa lontano da fonti di calore e in piena luce.
compo image

DOPO L’INVERNO

Come e quando riportare all’aperto le piante

Il pericolo di gelate notturne nelle zone dell’Italia settentrionale e nelle zone interne del centro-Sud scompare in genere dopo la metà di aprile, dipende dalla zona, e si possono rimettere all'aperto i vasi con arbusti mediterranei. Tuttavia, ci sono alcune cose che puoi fare già a fine inverno per iniziare bene la stagione estiva. Programma gli interventi di potatura, la concimazione e, se necessario, il rinvaso. Questo dà alla pianta una sferzata di energia e consente di ampliare le radici.  A seconda del tasso di crescita delle piante, è necessario un nuovo vaso ogni due-tre anni. Inoltre, è importante riabituare delicatamente la pianta alla luce solare diretta. Ciò è particolarmente importante per le piante mediterranee e subtropicali che mantengono le foglie in inverno. Le foglie spesso diventano verde chiaro durante il periodo passato in ambiente protetto, e perdono la loro resilienza ai raggi UV e alle intemperie: possono subire scottature o shock se poste improvvisamente in pieno sole per diverse ore. Per il primo giorno all'aperto, scegli una giornata particolarmente mite con cielo coperto e inizialmente esponi le piante alla luce solare solo per alcune ore, meglio se di mattina o nella seconda parte del pomeriggio. Anche l'acqua e il concime dovrebbero essere gradualmente aumentati all'aumentare della temperatura. Osserva sempre in ogni vaso la velocità con cui le piante consumano l'acqua e regola gli intervalli di conseguenza. Deve essere garantito un sufficiente apporto di acqua e sostanze nutritive, soprattutto durante la fase di formazione delle gemme, altrimenti la pianta potrebbe perdere le gemme prima che possano svilupparsi ulteriormente.

Condividi

compo image

Grandi premi ti aspettano!

Acquista un sacco di terriccio e vinci.

Segui COMPO anche su:

Scopri di più su